Analisi di una non-vittoria

Questo è un po’ il sentimento dopo i risultati delle elezioni regionali di queste ore. Per dirla come la dice Daniele Viotti, di cui condivido l’analisi e lo spirito.

Di sicuro c’è un vincitore assoluto che tutti hanno ben individuato salvo fregarsene come sempre: l’astensionismo. Su questo dato occorrerebbe riflettere, e molto.

Dovremmo riflettere sulla qualità del nostro sistema democratico, sul rapporto cittadini-partiti e sulle motivazioni che portano i cittadini a non partecipare al voto. Cercando di volare un po’ più in alto dell’analisi: “chi non vota ha sempre torto”. Che racchiude in sé una verità ma che non ci aiuta comunque a risolvere questo vulnus di partecipazione.

Passiamo ora a qualche considerazione politica. Non voglio soffermarmi su analisi generali del tipo chi ha vinto e chi ha perso perchè mi pare che ognuno stia cercando di fare analisi pro domo sua e nessuno voglia ammettere una sconfitta. Il che è abbastanza legittimo perchè effettivamente sulla carta ognuno ha qualche cosa da festeggiare: Il PD si trova ora a governare la maggioranza assoluta delle Regioni del paese (solo 3 sono governate dal CDX), Forza Italia porta a casa il governatore in Liguria con un risultato tutto tranne che scontato e insidia fortemente la candidata PD in Umbria, la Lega si afferma come primo partito della destra italiana, il M5S prende molti voti ma soprattutto si conferma come terzo polo permanente nello scacchiere politico nazionale, con buona pace di chi lo dava in caduta libera alle europee.

Ma entrando un più nel merito della questioni si vede subito come le cose siano diverse da come appaiano. Per quanto riguarda il PD un dato è inequivocabile: abbiamo perso decine di migliaia di voti dalle passate elezioni regionali (2010), attenzione però ai paragoni strumentali che ho sentito fare in queste ore. Non si può paragonare il dato di queste regionali a quello delle europee, non ci aiuta a fare un’analisi seria e compiuta.

Qui sotto invece un breve riassunto della situazione dal 2010 ad oggi:

Toscana:
2010: 641 mila.
2015: 614 mila

Liguria:
2010: 211 mila
2015: 138 mila

Campania :
2010: 590 mila
2015: 443 mila

Veneto:
2010: 456 mila
2015: 308 mila

Umbria:
2010: 149 mila
2015: 125 mila

Marche:
2010: 224 mila
2015: 186 mila

Puglia:
2010: 410 mila
2015: 316 mila

Perdiamo voti in tutte le regioni, anche dove la vittoria è ampia. L’effetto “asso piglia tutto” del PD visto alle europee sembra essersi interrotto.

Il dato politico più importante è ovviamente la sconfitta in Liguria, trattata dai dirigenti nazionali in modo superficiale e acritico. Non ce la si cava dando la colpa ad altri per le proprie sconfitte. Non basta dire che è colpa di Pastorino, o di Civati. Soprattutto quando questo ha intercettato voti che, per il livello di scontro raggiunto durante la campagna elettorale, difficilmente sarebbero andati a Paita, ma con più probabilità al M5S o all’astensione. Questo per dire che il problema in liguria è stato un altro. I nostri elettori hanno visto concretizzarsi, più che in altre regioni e forse più che a livello nazionale, il progetto di Partito della Nazione (aiuto alla Paita da NCD durante le primarie), forte al centro e anche a destra e orfano della sinistra, vecchia ma anche e soprattutto nuova: Pastorino era un giovane sindaco del PD non un pericoloso esponente di Prima Linea, per intenderci. Quindi le accuse di “Bertinottismo” lasciano il tempo che trovano. Tra le mille idiozie che ho sentito sulla elezioni liguri mi paiono certi solo due dati, molto importanti: 1) la sinistra che abbia in mente un progetto di governo non può vincere fuori dal PD. Si può attestare bene ma non vince fuori dal progetto che storicamente è stato dell’Ulivo.  2) Allo stesso modo però un Partito Democratico che voglia fare a meno della sinistra, magari per abbracciare parti strutturali del centrodestra, semplicemente perde e fa vincere la destra, quella vera, quella che si organizza. 

Questo mi pare si evinca dal voto ligure.

Sul resto è chiaro che se la segreteria nazionale vuole fermarsi alle analisi calcistiche non penso andremo molto lontano. Perchè dentro quel 5 a 2, per dirla alla Serracchiani, ci sta il pasticcio di De Luca in campania, che non doveva essere candidato, e ora vedremo come verrà gestito dal governo. Ci sta anche la vittoria di misura in Umbria assolutamente inaspettata. E ci sta il fatto che i candidati che hanno vinto non sono per nulla espressione della maggioranza che in questo momento governa questo Partito: su tutti Emiliano e Rossi. Basti pensare che i candidati renziani per eccellenza erano Moretti (a cui deve andare un abbraccio forte perchè il “tonfo” si è sentito fino a qui) e appunto la Paita di cui abbiamo già parlato.

Insomma tutto ciò per dire che abbiamo di fronte una “non-vittoria” eclatante ma non mi pare che dalle prime dichiarazione del nazionale vogliano capire gli errori e cambiare rotta, sulle leggi in discussione, sulle riforme, sulle modalità di gestione del Partito. Un grande partito come è il nostro PD o si governa con la sintesi, oppure si prendono le mazzate, sul medio e sul lungo periodo. Poi si può continuare a fare gli sbruffoni e ad insultare, ma si deve sapere che poi queste cose si pagano nelle urne. Perchè un segretario che si candida per rottamare il mondo intero e poi non ha il coraggio di contrapporsi ad una candidatura come quella di De Luca, ritirando il suo “Migliore” a pochi giorni dalla primarie, è un segretario debole. Anzi, debole con i forti e forte con i deboli. Perchè a lanciare invettive contro la Camusso sono bravi tutti, ad opporsi ad un sistema di potere lo possono fare solo i grandi leader; ma tant’è, ognuno ha il suo carisma.

E’ evidente che ora la partita dentro al PD è assolutamente aperta, per chi voglia stare nel PD, da sinistra. So che ci sono persone disposte a vivere questa sfida, come sempre, come facciamo da qualche tempo a questa parte, con tenacia e passione e con la voglia di esserci e di fare la differenza, a partire dai territori. Cosa che dobbiamo assolutamente ricominciare a fare.

Se Renzi vorrà capire i suoi errori e correggere il tiro siamo pronti, diversamente ci prepariamo al confronto politico, serio e puntuale. Cercando di convincere quanti più compagni possibili per una sfida che è tutta da scrivere.

Una sfida che ho tutta la voglia di affrontare perchè ne va della qualità del riformismo italiano, della sinistra e della democrazia in questo paese.

Avanti insomma, c’è da organizzarsi e da rimanere sintonizzati!

P.S.

Auguri e in bocca al lupo a tutti i nuovi amministratori eletti in questa tornata elettorale, perchè al di là delle analisi politiche sono la vera spina dorsali di questi nostra democrazia. Alla faccia dei disfattisti di ogni risma. Chi mette in gioco il proprio tempo e la propria vita per il bene pubblico, magari in piccole relatà e piccoli comuni, è da supportare ed esaltare perchè fa il bene del nostro paese. In bocca al lupo quindi a tutti, in particolare nella mia provincia e Giorgio Ferroni e Maria Rosa Gnocchi, nuovi sindaci eletti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...