ELEZIONI COMUNALI DI VERBANIA, ECCOMI!

“… il futuro appartiene a coloro che si preparano per esso oggi…” (Malcom X)

È con questa consapevolezza che giovedì sera ho firmato la mia accettazione di candidatura per il consiglio comunale di Verbania. E quindi sì, sarò nuovamente candidato alla carica di consigliere comunale, alle prossime elezioni comunali a sostegno di Silvia Marchionini.

Ho deciso di metterci nuovamente la faccia perché credo sia giusto che siano gli elettori a giudicare la qualità del nostro lavoro, anche quello personale.
Ho deciso di esserci ancora perché questa Città ha bisogno dei suoi giovani per garantirsi un futuro, e i giovani devono poter stare anche dentro ai luoghi dove si prendono decisioni importanti.
Ho imparato che in Politica gli spazi lasciati liberi vengono subito occupati da qualcun altro, io non voglio che la mia generazione perda la possibilità di dire la sua sul futuro di Verbania. Voglio continuare a fare la mia parte.
Abbiamo dietro di noi 5 anni di lavoro: lungo, complesso, appassionato, faticoso ma sempre motivante.

Qui (https://goo.gl/L51BwH) potete leggere la dettagliata relazioni di fine mandato, ciò che abbiamo fatto e anche un accenno di quello che vorremmo fare nei prossimi 5 anni, insieme a tutta la Città. Politiche sociali, tasse, ambiente, mobilità, agenda digitale, cultura, turismo e lavori pubblici. Questi sono solo alcuni titoli dei capitoli del nostro bilancio, ognuno di questi è ricco di interventi e progetti realizzati e portati a termine.

Queste righe però sono anche un appello a tutti e tutte voi, perché sono consapevole di avere bisogno del sostegno e della fiducia tutti per fare #unpassoavanti. Sono in campo come 5 anni fa, ci metto la faccia! Il 26 maggio potrete scegliere il futuro, il Vostro vota conta.

Abbiamo davanti due mesi entusiasmanti, per scrivere il futuro di Verbania, insieme!

image002

Annunci

Una ronda non fa primavera

  
Questa la breve intervista che ho rilasciato ieri a La Stampa di Verbania. 

Il punto è sicuramente politico e culturale ma io penso che sia anche amministrativo e molto pragmatico. Non possiamo pensare davvero che un intervento diretto di “semplici” cittadini sia utile a prevenire, o peggio, a contrastare, forme di vandalismo o microcriminalità. 

A chi dice che servirebbero da deterrente rispondo che invece rischieremmo di creare ulteriori problemi; chi difenderebbe i cittadini da probabili pericoli durante il loro servizio? Che strumenti avrebbero per difendersi?   Nessuno. (E per fortuna mi verrebbe da dire). 

Abbiamo scelto di non armare i vigili e poi mandiamo cittadini disarmati a presidiare il territorio? Non penso sia utile. Penso sia sbagliato. 

Poi ovviamente c’è una questione politica, e di senso profondo. Non voglio citare il Leviatano o il Contratto sociale, mi basta però dire che l’unico garante dell’ordine pubblico e della sicurezza è lo Stato; a cui i cittadini affidano il compito di vigilare, prevenire, sanzionare e reprimere le condotte devianti. Insomma amici: lo stato di diritto. Fuori da questo c’è l’anarchia e lo stato di natura. 

Non voglio essere superficiale o essere frainteso, non voglio spostare la discussione sul tema stupido e ideologico della serie “la sicurezza è un valore di destra”. Al contrario penso che sia assolutamente “di sinistra” far sentire i cittadini al sicuro e liberarli dalla paura, solo occorre farlo con gli strumenti adeguati. Le risposte che il Sindaco ha ottenuto dalla Prefettura sono quelle che servono, più controllo da parte delle forze dell’ordine. 

In conclusione, niente paura, a Verbania non vedremo ronde o volontari della sicurezza. Anzi, di volontari ne vedremo molti e sempre di più: ma a fare quello che fanno già ora, con passione, dedizione e amore: servire questa Città. 

Anche a Verbania ci sono gli sciacalli 

 
Leggendo questo post della consigliera di minoranza Stefania Minore non ci sarebbe molto da aggiungere. Dopo l’uscita dal M5S lo spostamento di Minore verso le posizioni più becere e xenofobe è evidente ormai a tutti. 

Esternazioni degne del peggior sciacallaggio politico, così lontano dalla sensibilità e dalla storia della nostra città. È davvero triste vedere cosa ci si riduca a fare per qualche preferenza in più alla successive elezioni. 

La riflessione che viene naturale è ovviamente più vasta della bassezza dimostrata da Minore. Dietro a posizioni come queste c’è un problema enorme di cultura politica, un problema di umanità e di incapacità nel leggere la storia del mondo. Chi si ostina a trattare il tema della migrazione in questo modo si pone fuori dalla storia e decide di puntare sugli istinti più disumani e bestiali insiti nell’uomo. Specialmente nell’uomo in difficoltà, stanco, impoverito, spesso arrabbiato. 
Chi si accanisce come uno sciacallo su questi corpi morti, dimostra tutta la sua inadeguatezza ma segnala un pericolo enorme per la nostra democrazia. In fasi difficili come quella che stiamo vivendo i semi di odio, razzismo e xenofobia rischiano di portare frutti, amari e terribili. La storia insegna. 

È importante fare fronte comune contro tutto questo, è importante che il mondo democratico si mobiliti per affermare un’altra umanità. Di questo abbiamo un disperato bisogno: questi segnali non vanno sottovalutati.

L’appello è a tutti gli uomini e le donne di buona volontà che non ci stanno a giocare questa guerra disumana e bieca. 

Pensateci, pensiamoci, agiamo. 

P.s. Anticipo già io gli attacchi che attirerò con questo post. Qualcuno mi accuserà di lavorare nel mondo dell’accoglienza dei migranti e quindi di rappresentare nelle mie posizioni un conflitto di interesse. Lo so, le falsità dette in questi giorni sono state molte. Io sono tranquillo perché chi mi conosce, conosce anche la mia storia e la mia sensibilità. È vero, dopo anni di volontariato questa si è tradotta in un’opportunità lavorativa, non penso che questo possa rappresentare una scandalo. È per me solo un modo di rimanere fortemente ancorato ad una parte di umanità sofferente; fare di questo una situazione anche lavorativa, come fanno i tanti che lavorano nel mondo del sociale, non mi pare uno scandalo. Uno scandalo sono invece la falsità dette sul mio conto, alle quali si risponde con i fatti. E io questo provo a fare, un passo dopo l’altro, sulla strada, per affermare un cultura diversa da quella dell’odio e dei respingimenti, in tutti i sensi. 

A VERBANIA FACCIAMO IL PUNTO. ANZI 6

Stampa

 

E’ partita oggi la campagna di ascolto e proposta del circolo PD di Verbania “A Verbania facciamo il punto. Anzi 6”.

Qui potete trovare tutte le immagini della campagna aggiornate di giorno in giorno. Qui tutte le sintesi dei punti che vogliamo affrontare.

6 temi, 6 incontri pubblici da gennaio a marzo, tanti modi per dire che vogliamo stare al centro del dibattito politico cittadini e dettare l’agenda ascoltando prima di tutto i cittadini.

I temi scelti sono: Lavoro, Pianificazione strategica, Cultura, Politiche giovanili, Viabilità e trasporti e Urbanistica.

Ripartiamo da qui, dalle nostre proposte a sostegno dell’amministrazione comunale. Ma le risposte le vogliamo cercare con chi vive tutti i giorni la nostra Verbania.

State collegati allora, siete tutti coinvolti!