“Sentinella, quanto resta della notte?” – riflessioni dopo il 4 marzo

Sono passati tre giorni dalle elezioni. Ho letto molto, ascoltato ogni tipo di analisi, cercato di metabolizzare quella che, non credo ci si possa girare molto intorno, è stata una sconfitta totale. Il PD ha perso le elezioni politiche, ha subito una sconfitta di sistema, di quelle che ti lasciano con il respiro rotto.

Sono passati tre giorni dalle elezioni politiche e sono giorni che penso a cosa scrivere. Da questo groviglio di pensieri sono uscite queste righe. Le condivido con voi nella speranza possano essere traccia, percorso, incipit di una discussione profonda che ci veda protagonisti nei prossimi mesi.

LE COSE CHE NON DOBBIAMO FARE:

  • La cosa peggiore che si possa fare ora è dare la colpa agli elettori, magari apostrofandoli come ignoranti, incapaci, populisti, eversivi, fascisti e tutta una serie di epiteti che vedo si stanno usando molto in queste ore. Se perdi le elezioni è colpa tua, non del destino cinico e baro. Se le perdi così male è doppiamente colpa tua. Quindi se non vogliamo passare per dei “bambini permalosi” evitiamo per favore di inseguire la logica del nemico (interno/esterno) ad ogni costo. E’ la logica che seguiamo da alcuni anni e ci ha portati qui, nel momento più buio.
  • Rinchiudersi nelle proprie certezze quando gli elettori ti hanno appena detto che nessuna di queste era per loro una priorità è una mossa quantomeno sciocca. E’ inutile dirci che noi avevamo la proposta politica più concreta e più realizzabile. Pochi hanno fatto questa valutazione quando sono entrati nella cabina elettorale, quindi sgombriamo dal campo questa argomentazione. Cerchiamo invece di metterci all’ascolto e di capire perché i nostri temi non hanno conquistato il dibattito pubblico. In altre parole, se perdi e continui e ripetere la stessa strada, continuerai a ripetere anche gli stessi errori. Quindi, per favore, fermiamoci, respiriamo, ed evitiamo di chiuderci nel bunker della nostra visione del mondo.
  • Abbandoniamo, vi prego, l’arroganza della nostra dialettica. Una comunità che appare arrogante, a cominciare da chi la guida, diventa subito respingente e assolutamente indigesta. Le democrazie moderne si basano sul relativismo politico che si oppone all’assolutismo ideologico. Quindi, ripetiamo insieme, non siamo portatori di Verità assolute e la nostra non è una fede da difendere, bensì un’ idea da realizzare.
  • Non affrontiamo dibattiti lunari su future alleanze. Capiamoci, non sono nemmeno iniziate le consultazioni, nessuna formazione politica ha fatto proposte di nessun tipo, quindi, esattamente, di cosa stiamo parlando?  È normale che il PD faccia opposizione e non si allei con forze politiche che rappresentano valori completamente diversi dai suoi. Io lo penso da sempre, sono felice di vedere che in molti abbiano cambiato idea. 
  • Non iniziamo a parlare per mesi dei nomi che dovranno guidare la nostra comunità politica. Questo dibattito non interessa a nessuno. Vi prego davvero, il toto nomi è una roba da “feticisti della politica”, non c’è nessuno a cui interessi il “rosario laico” dei nomi che si stanno scaldando per diventare il prossimo segretario del PD.
  • Non affrontiamo l’ennesimo congresso del PD solo per regolare i conti interni. Affrontiamo una fase di riflessione che ci permetta di capire dove abbiamo sbagliato. Sarà ovvio e conseguente che emergeranno nuovi leader e nuove figure, così come è ovvio che urge un cambiamento nella gestione del partito e nella linea politica,  ma non si deve partire dal nome per affrontare la crisi enorme nella quale ci troviamo. Non è stato un uomo solo a salvarci, come in molti hanno creduto in questi anni, non sarà un uomo solo a riportarci di nuovo a vincere.
  • Chi ha guidato la nostra comunità fino a qui eviti di mettersi di traverso solo per conservare una quota di potere utile per il futuro. Si può perdere oggi e si potrà tornare a vincere in futuro, ma non si può essere così cinici ed egoisti da voler tenere in ostaggio un’intera comunità politica solo per calcoli legati alla propria carriera. 

 

LE COSE CHE DOBBIAMO FARE:

  • Costruiamo da subito i momenti e i luoghi per comprendere ciò che accaduto. C’è una crisi enorme della sinistra europea e delle categorie con cui abbiamo analizzato fino ad oggi la politica. Dobbiamo concentrarci su questo: chi siamo? cosa e chi vogliamo rappresentare? Con quali strumenti vogliamo farlo? Dobbiamo rovesciare completamente l’impostazione dei nostri ragionamenti. Quella che abbiamo di fronte non è una sconfitta elettorale è qualcosa di molto più complesso. Lo dice bene Enrico Sola nel suo pezzo su ilpost.it: “Questo non è un semplice risultato elettorale: è un evento storico che segna un totale shift di paradigma in Italia e l’ insediamento di un blocco di potere totalmente nuovo.
    Non siamo soli: è qualcosa che sta succedendo, in modo più sfumato (qui in Italia ci teniamo ad avere il primato delle brutture), in tutto l’Occidente, dove crollano le sinistre e si impongono le destre xenofobe e sovraniste e i populismi.
  • La differenza potrà farla la nostra capacità di tornare ad essere davvero una comunità, chiudendo le correnti intese come spazi di mera gestione del potere e aprendo le porte del nostro partito. Cambiandone le regole se serve, cambiandone le liturgie e le modalità con cui (non)stiamo nelle nostre città, tra le persone che stanno male, che sono più esposte e fragili. 
  • Prepariamoci a non vedere risultati nel breve termine. Alleniamoci ai tempi lunghi. Ritorniamo a pensare, a generare cultura, ad appassionarci, a non pensare solo al potere per il potere. Ritroviamo la dimensione del servizio e della passione politica. 
  • Recuperiamo la coerenza della nostre azioni. Curiamo i rapporti con le persone e facciamo capire loro che verranno coinvolte nei processi decisionali, non solo una volta ogni quattro anni per scegliere un leader, ma durante questo tempo per scegliere davvero, per contare, per dare ancora un senso alla parola militanza.
  • Recuperiamo la coerenze delle scelte, anche nello scegliere con chi camminare e con chi no. Abbiamo reso permeabili le nostre comunità al punto da non avere più il controllo di esse. La giusta intuizione di un partito largo, plurale e non granitico, si è trasformata in un partito completamente scalabile da chiunque, senza più il senso di appartenenza che contraddistingue ogni comunità di persone. Non un’identità che esclude ma un modo di essere, coerente e logico, che ti fa sentire parte di qualcosa. 

Questi sono solo alcuni spunti di riflessione, me ne rendo conto. Non esauriscono in alcun modo la discussione sul nostro futuro, sul futuro della sinistra. Ma li condivido coi voi per aprire un dibattito. Ne sento un’esigenza estrema, dopo questi anni di equilibrismi e di paura nell’affrontare i problemi. Abbiamo smesso davvero di parlare del senso profondo delle cose che facciamo. Abbiamo smesso di guardarci in faccia e di dirci i perché.

Mi rivolgo a chi sta nel PD ma anche a chi ne è deluso ma cerca, con gli strumenti che ha,  la strada per una sinistra moderna. Incontriamoci e prepariamo la lunga traversata nel deserto che dovremo fare nei prossimi anni.

Enrico Sola nel pezzo citato qui sopra chiude ad ogni speranza nel breve periodo: “di fronte a risultati di questo genere e alla portata lunga che sembrano avere è inutile qualsiasi tentativo di lotta e di salvataggio del paese. Possiamo riposarci, fare altro, difenderci (e dovremo difenderci, fidatevi) e aspettare, aspettare, aspettare.”

Non so se sia vero o no, non so “quanto resta della notte”.  So però che può venir meno il consenso, possono cambiare le priorità di un paese, possono essere ignorati valori come la giustizia sociale, la libertà, l’equità dei diritti, la solidarietà e la tolleranza. Ma non verrà mai meno l’esigenza di dover affermare questi valori. Un paese intero può anche pensare che non sia il tempo della sinistra, ma la sinistra non può abdicare al suo ruolo di conoscere e rappresentare i bisogni di quel paese. Abbiamo forse smesso di farlo, o lo abbiamo fatto nel modo sbagliato. Ci siamo seduti, convinti che tutto andasse bene. Dobbiamo rimetterci in cammino, fare fatica e ridare senso al nostro impegno.

«Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza»

(Antonio Gramsci, sul primo numero di L’Ordine Nuovo, primo maggio 1919)

Gramsci richiamava l’intelligenza, l’entusiasmo e la forza di organizzare un movimento. Abbiamo bisogno di ripartire da questi tre elementi. Dobbiamo tornare a studiare, ad entusiasmarci e ad organizzarci.

Lo dobbiamo fare per non lasciare lo spazio ad altri. Non possiamo abdicare, non possiamo rinchiuderci nelle nostre sconfitte. Dobbiamo ancora affermare la dignità della nostra scelta politica, cambiando ciò che va cambiato. La sconfitta ci disorienta è vero, ma non cancella le ragioni per cui ci siamo attivati e spesi nella vittoria. Quelle rimangono lì, ferme, ad aspettarci quando ci smarriamo o quando non abbiamo più voglia di continuare a camminare. Torniamo a quelle ragioni, torniamoci tutti insieme e ricostruiamo la comunità dei Democratici in Italia e tutta la sinistra europea.

«Mi concedi che non è disonorevole l’occuparsi di politica, che il non occuparsene è un venir meno a un dovere umano. Che la politica è una nobilissima attività umana, che fa parte del mestiere dell’uomo, del suo dovere di giustizia e di carità verso il prossimo.
Non si può lasciare il campo della politica, che è poi l’ordinamento dell’uomo per il bene comune, all’arbitrio incontrastato degli avventurieri d’ogni risma»

(Don Primo Mazzolari)

 

Buon voto a tutti e tutte! 

Questa sera si chiude la campagna elettorale. Da lunedì il nostro paese avrà un nuovo parlamento che sarà chiamato a votare la fiducia ad un nuovo governo. Credo che la nostra comunità sarà chiamata a scelte importanti nelle prossime ore e spero che possa compierle uscendo rafforzata dalle urne. Penso che il PD, Partito nel quale milito da sempre, con le mie idee e la mia indipendenza, sia ancora la comunità per la quale valga la pena spendersi. Credo che questi 5 anni abbiano visto fare al nostro paese molti più passi avanti che indietro, e credo che occorra continuare in questa direzione. Aggiustando il tiro su qualche riforma che poteva essere migliore ma comunque evitando che le destre possano fermare nuovamente il paese come hanno sempre fatto quando lo hanno governato. Questo l’orizzonte e questa la sfida che abbiamo di fronte: politica e culturale. Sullo sfondo di questa sfida una campagna elettorale che sicuramente non sempre ha saputo dare al paese le risposte che attendeva. E nemmeno ha saputo dare un’immagine migliore della politica, oltre gli urli, gli slogan, la violenza verbale e non solo. Su questo, la politica tutta, dovrà riflettere dopo il voto.

Per continuare sul sentiero tracciato, anche per cambiarlo in ciò che non ha funzionato, penso vada data fiducia al PD e alla coalizione del centrosinistra, ai candidati del nostro territorio, per il lavoro che hanno fatto in questi anni e per la serietà rappresentata.

Da lunedì inizierà in ogni caso una nuova fase, prepariamoci per esserne all’altezza!

Buon voto a tutti e tutte!

In bocca al lupo ai candidati del nostro territorio Enrico Borghi, Vittoria Albertini, Elena Ferrara e anche all’amico e compagno di strada candidato a Torino Davide Mattiello!

Facciamo Politica, insieme

Facciamo politica perché ci appassiona e ci meraviglia l’incontro con l’altro. La facciamo perché vogliamo, in fondo, provare a risolvere i piccoli o i grandi problemi del nostro tempo. Facciamo politica perché vogliamo che nessuno rimanga solo, perché la solitudine e la paura sono i veri mostri del nostro tempo. Facciamo politica per creare comunità, per essere comunità, per fare di questo mondo un posto migliore. Che voi ci crediate o no, oggi pomeriggio è stato un gran bel modo per ricordare a me stesso perché faccio quello che faccio e per celebrare, assieme ad altri, la bella politica. Continueremo, insieme! #tempodirestare

È TEMPO DI RESTARE

appello_ee-tempo-di-restare

In questi giorni così travagliati per la nostra comunità politica, vorrei cercare di offrire il mio contributo nella speranza di superare, insieme, questa fase complessa, e allo stesso tempo decisiva, della nostra storia partitica.
E spero di poterlo fare con chiarezza, senza il clima da stadio che si avverte, ormai con costanza, all’interno del nostro Partito e nella politica italiana in genere.

Se siamo giunti ad una frattura profonda del Partito Democratico, è perchè non siamo stati in grado di essere comunità, non abbiamo fatto lo sforzo di indossare l’uno i panni dell’altro, non siamo stati in grado di vedere nella diversità, un valore.
Se siamo arrivati a questa frattura, non è certo perchè abbiamo smesso di parlarci; quello lo facciamo da tempo, nel modo sbagliato. Abbiamo, invece, smesso di ascoltarci, e così facendo, ci siamo logorati poco alla volta.

Chi ha guidato questo Partito non si è dimostrato all’altezza del compito.
Troppo tempo passato ad aggredire con arroganza chi, all’interno della nostra comunità, professava una visione diversa.
Troppo poco tempo passato a vivere, davvero, questo Partito, ad organizzarlo e renderlo un’infrastruttura capace di stare nella società, interpretarla, progettarla e, quindi, cambiarla.
Una Segreteria che si porta dietro una pesante eredità: non avere fatto tutto il possibile per tenere unito il Partito, dando, a tratti, l’impressione di desiderarla questa scissione, di volerla, di auspicarla.

È pur vero che, quando i percorsi delle persone si separano, non è mai colpa solo di qualcuno.
Nel rispetto delle scelte, vorrei dire ai dirigenti che se ne vanno, che la loro decisione non è compresa dalla maggioranza del popolo italiano. Non si capiscono le ragioni politiche e, per questo, la decisione appare piuttosto, il risultato di questioni personali.
Sembra di assistere ad una scelta unicamente dei “colonnelli” e non delle “truppe”: nessuna condivisione alla base, nessun coinvolgimento nella scelta di dare vita ad un altro movimento-partito che credo si posizionerà con fatica nella galassia della sinistra italiana.

Queste poche righe le voglio condividere con voi, con tutti i militanti e gli elettori che molte volte hanno subito le decisioni di una classe dirigente inadeguata. Con chi si sente travalicato da posizioni non rispettose dell’ impegno, della presenza costante nei territori, della militanza lunga e appassionata che sono certo essere propria di ognuno di voi.

È un appello che si rivolge a chi non è stato coinvolto dalla “scissione” della nomenclatura, ma che da tempo si sente parte di una separazione e di una distanza ben più profonda: quella tra la politica e i cittadini, tra un partito e il suo popolo. Distanza silenziosa e senza frastuono mediatico, ma che logora, avvilisce. È  a voi che rivolgo questo appello. A voi che vorreste ritrovare il senso di una politica in grado di incidere sulla storia personale degli individui ritrovando, così, le radici di un Partito che pensi meno al personalismo della carriera politica, e più al futuro del Paese.

Mi rivolgo a voi per dire a tutti che non è questo il momento di andarsene ma al contrario è tempo di restare.
È tempo di costruire insieme un’alternativa, una sinistra moderna, capace di giocare la sfida del governo senza perdere i propri valori, in grado di capire che il lavoro, la società, l’economia sono cambiati e che, proprio per questo, c’è bisogno di una sinistra in grado di interpretare, e di essere allo stesso tempo, il cambiamento.

Questa sinistra non può rinchiudersi nei recinti del passato. Deve agire e organizzarsi nel nostro mondo, aprendosi alla società con occhi nuovi.
Per questo abbiamo fondato il Partito Democratico 10 anni fa, per questo oggi servono le energie di tutti per farlo crescere e diventare ancora più grande. La storia non inizia con nessuno di noi. Siamo la prosecuzione di una storia più lunga, che arriva da lontano: le grandi culture riformiste e democratiche dell’Italia del Novecento.

Il PD è nato per portare quella storia nel nostro presente e nel nostro futuro, con una casa grande e plurale in grado di conservare la tradizione dentro l’innovazione.
Oggi se quella casa è in pericolo, siamo prima di tutto noi, a dover prendercene cura.

 

Abbiamo bisogno di tutta la vostra forza, intelligenza ed entusiasmo per cambiare il PD. Abbiamo bisogno di farlo ora, perchè il nostro tempo è adesso,

IL TEMPO DI RESTARE, appunto, per CAMBIARE INSIEME!

Ti aspetto per parlare di questo e molto altro,

SABATO 11 MARZO, dalle 15.00 a Villa Olimpia (Verbania – Pallanza).

PER PARTECIPARE AI TAVOLI TEMATICI SCRIVI UN’ EMAIL A: tempodirestare@gmail.com oppure clicca qui

La nostra Storia 

Oggi Assemblea Nazionale del Partito Democratico a Roma. Non ho detto e scritto nulla in questi giorni convulsi. Non l’ho fatto di proposito perché vista la fase delicata non credo serva rafforzare lo schema delle tifoserie di parte. Serve invece riflettere, pesare le parole, ricordare a tutti e tutte che prima delle nostre ambizioni viene il paese che abbiamo scelto di servire. 
Prima della nostra storia personale viene la nostra storia collettiva. Una Storia grande e importante. Nessuno si arroghi il diritto di buttarla via. 

Nessuno. 

Su Italicum e Consulta 

Passare da una legge ultra-maggioritaria ad una estremamente proporzionale non è una  buona notizia per nessuno. Tranne per colore i quali godono per l’instabilità del sistema e per gli eterni “gattopardi”.

Detto ciò: 

1) Da domani, se andremo al voto con la legge uscita dalla consulta, avremo larghe intese perenni. Con buona pace del centrosinistra, dell’Ulivo, della sinistra e della società civile. Contenti voi. 

2) Non esistono leggi elettorali perfette ma di sicuro è da folli continuare a cambiarle ad ogni giro di boa. Le leggi elettorali sono le regole del gioco, cambiarle di continuo significa delegittimare il gioco. E quando questo “gioco” si chiama Democrazia rappresentativa, questa cosa non va affatto bene.

3) Dati per letti i primi due punti vorrei però dire al mio Partito, segnatamente al gruppo dirigente e al suo segretario, che esiste un modo molto semplice per non farsi bocciare le leggi dalla Consulta. Basta approvare buone leggi. E l’Italicum semplicemente non lo era. E lo abbiamo detto in molti, da subito. Vi abbiamo chiesto di non forzare la mano, di non spaccare il partito e di non porre la fiducia. Avete fatto il “diavolo a quattro” per portarla a casa questa legge elettorale ed ora ci troviamo in questa delirante situazione. Con la “prima repubblica” che ritorna prepotentemente sulla scena. 

Chiunque abbia a cuore le sorti del nostro paese si impegni per votare in parlamento una legge migliore di questa, che ci consegni un vincitore e che garantisca rappresentanza. Il mattarellum come dicono in molti è un ottimo punto di partenza. Se questo non sarà possibile faccio i miei migliori auguri a tutti quanti, faremo un balzo indietro nel tempo di parecchi anni. 

Hollande e il socialismo sempre meno gaudente 

Qualche volta la strepitosa pagina Facebook “Socialisti Gaudenti” decide di cambiare tono e proporre qualche riflessione assolutamente sul pezzo e senza ironia alcuna. Ieri è stata una quelle volte. Parto da loro per non appesantire troppo il ragionamento ma credo davvero che il punto sia proprio quello. Nel giro di tre anni abbiamo visto tramontare leader che sembravano pronti a guidare la riscossa socialista in Europa, un’intera classe dirigente socialista andare a sbattere contro il mondo che era cambiato. Pier Luigi Bersani era solito dire che non si poteva fermare il vento con le mani, solo che il vento è passato ed era un tornado. Era il vento delle forze politiche “anti-sistema” per così dire, e noi non solo non l’abbiamo fermato con le mani, ma talvolta non l’abbiamo nemmeno visto arrivare. Intendo dire che ci è entrato in casa quel vento ed ha finito per prenderci gran pezzi di elettorato e di parole d’ordine. Certo, usandole per scopi anche diametralmente opposti ai nostri, ma tant’è.

Ora l’annuncio di ieri di Hollande è soltanto l’ultimo tassello del fallimento di quella classe dirigente, lo dico con rispetto ma con molta amarezza. 

Io non so se riusciremo ad evitare derive “lepeniste” in Italia e in Europa; so solo che il PSE deve ritrovare se stesso e la propria missione e provare seriamente ad invertire la tendenza. In Italia la situazione è leggermente diversa e questo dovrebbe spingere il Pd a guidare questa riscossa. Staremo a vedere cosa accadrà dal 5 dicembre.