Cari europeisti dobbiamo parlare

Le sanzioni a Orbàn sono sacrosante e benedette. Però, “cari i miei europeisti” (categoria a cui mi ascrivo senza ombra di dubbio), dobbiamo dirci una cosa con molta sincerità.

Orbàn e la sua politica illiberale non sono la causa della debolezza europea, al contrario ne sono l’effetto. L’effetto più evidente e più devastante di questa Europa divisa dagli interessi nazionali, debole su ogni posizione internazionale, attenta più ai numeri che alle persone. Allora io non vorrei proprio che dell’Europa tra 30 anni si parlasse come ora parliamo della Società delle Nazioni dopo la grande guerra. Intuizione felice ma incapace di concretizzare un’azione politica coerente ed efficace. Era il 1935 quando la Società delle Nazioni sanzionò l’Italia per la brutale aggressione dell’Etiopia, sappiamo tutti come andò a finire. Penso a questo da ieri, in questo 2018 dai contorni grigi con un tremendo retrogusto anni ’30.

Annunci